Asterix - I migliori fumetti da far leggere ai propri figli #1 - Scriplog

28 novembre 2014
Argomento
Figli
Fumetti
Commenti 0

Tag , , , , , ,

Asterix

Asterix
8.4

Divertimento

9.5 /10

Riflessione

6.5 /10

Valori etici

8.5 /10

Qualità artistica

9.0 /10

Pro

  • Divertimento a più livelli, sia per i piccoli che per i grandi.
  • Aiuta a far conoscere la geografia.
  • Incuriosisce alla conoscenza storica.
  • Valori etici di fratellanza e libertà.
  • Età di lettura: dai 6 anni in su.

Contro

  • Uso cartoonesco della violenza.
  • Se animalisti: poco rispetto per i cinghiali.

 
Se avete dei figli, sapete bene che uno dei compiti più difficili e allo stesso tempo importanti del nostro “mestiere” di genitori è quello di fornire loro qualcosa di sano e contemporaneamente piacevole, di benefico e divertente. Che si parli di cibo, di giocattoli, di cartoni animati o di libri, il problema è più o meno sempre lo stesso: assecondare sì i loro gusti, ma anche cercare di proporre qualcosa che possa aiutarli a crescere meglio.

Lo si fa, da sempre, col cibo: ti piace la cioccolata? Benissimo, puoi mangiarne un po’, ma senza eccessi; e poi a cena però devi mangiare anche la pasta, la carne, la verdura, la frutta. Ci teniamo che i nostri figli crescano sani, e per questo cerchiamo costantemente dei modi per far piacere loro quei cibi che magari sembrano a prima vista meno appetibili di altri, ma che fanno meglio.

Lo facciamo col cibo e – almeno i più accorti di noi – lo facciamo anche con le varie forme di intrattenimento. Ti piace guardare la tv? Benissimo, puoi guardarla, per un certo tempo; e magari, oltre al cartone che ti piace tanto, proviamo a guardare insieme anche qualcosa che a suo modo può essere educativo?

Questa è, grossomodo, la filosofia. E sappiamo tutti bene che può essere efficace solo se applicata con sapienza: non possiamo mettere i nostri figli davanti a un documentario sulla vita di Pollock, o a un libro di Proust, o a cose noiosissime o fuori dalla loro portata; dobbiamo riuscire a proporre loro qualcosa di educativo ma, contemporaneamente, divertente. Qualcosa che non abbia come scopo primario la loro crescita personale, perché se così fosse se ne accorgerebbero subito e scapperebbero schifati; no, dobbiamo proporre loro qualcosa che prima di tutto li faccia divertire e appassionare, e che in secondo luogo insegni loro qualcosa (magari con la nostra mediazione).

Prodotti di questo tipo ne esistono parecchi, in tutti i campi: giochi, cartoni animati, film, fumetti, dischi, videogiochi e chi più ne ha, più ne metta. Solo che a volte non è facile trovarli; o, meglio, li si trova, ma non si è mai sicuri che possano andare già bene per il nostro bambino, per l’età che ha, per lo sviluppo emotivo e razionale che ha raggiunto. Prendiamo i film della Marvel: molto divertenti e appassionanti, ma ogni volta che ne esce uno non so mai se posso farlo vedere al pupo, almeno fino a quando non lo vedo io per intero in anteprima.

E allora ho pensato: perché non mettere online una qualche guida – ovviamente a puntate, e basata sulla mia esperienza personale – ai migliori fumetti, libri, film ecc. adatti ad un pubblico di bambini? Anzi, di più: adatti e consigliati a dei bambini e ai loro genitori? Da oggi, quindi, parte la lista di quelle opere di narrativa o fiction che ho già sperimentato coi miei figli e che mi sento di consigliare anche ai vostri, con ben specificati i pro e i contro, e le età di riferimento. Si comincia con Asterix.

 

Asterix: che cos’è

Asterix, Obelix e IdefixAsterix è un fumetto francese creato nel 1959 dallo sceneggiatore René Goscinny e dal disegnatore Albert Uderzo. Racconta le avventure degli abitanti di un villaggio di “irriducibili” galli, cioè di guerrieri che – unici in tutta la Gallia – sono riusciti a resistere all’avanzata delle truppe di Giulio Cesare: gli abitanti di questo villaggio sono in primo luogo l’astuto Asterix e il panciuto Obelix, ma anche il druido Panoramix, il cane Idefix, il capo Abraracourcix, il bardo Assurancetourix e tutta una serie di altri divertenti personaggi secondari.

La particolarità principale di questi galli – e il segreto della loro incredibile resistenza a Roma – è una particolare pozione magica che rende fortissimi e praticamente invincibili, pozione di cui solo il druido Panoramix conosce il segreto e che suscita le invidie di tutta Europa.

Asterix, Obelix e i loro amici si trovano così, tra una caccia al cinghiale e l’altra, a dover fronteggiare non solo gli attacchi dei romani, che preferirebbero di gran lunga stare lontani da quei fortissimi avversari, ma anche a dover correre in aiuto di amici di ogni dove: dall’Egitto alla Britannia, dalla Grecia all’Iberia, dall’Elvezia all’America, i guerrieri col nome che finisce in -ix hanno soccorso i bisognosi di mezzo mondo, sempre portando il loro buon cuore e i loro ceffoni.

Di cose da dire ce ne sarebbero ancora parecchie, ma lo spazio è tiranno; ulteriori informazioni le potete comunque trovare in questo articolo che ho scritto tempo fa sui più importanti personaggi del fumetto franco-belga.

 

Perché farlo leggere a dei bambini

Veniamo alle qualità della serie. Il primo (e forse più importante) pregio è che ai bambini dai 6 anni in su Asterix piace. Piace parecchio: mio figlio ne va matto e sono praticamente tre mesi che non riesco a fargli leggere nient’altro che le avventure del baffuto gallo; ma il mio ragazzino non è un caso particolare, visto che – a quanto mi dicono altri genitori che hanno qualche storia di Asterix in casa – le storie di Goscinny e Uderzo appassionano notevolmente i bambini delle elementari.

Assurancetourix e il suo cantoL’elemento cardine è di sicuro la comicità, che, tra l’altro, è giocata quasi sempre a più livelli: ci sono scene da tipica commedia slapstick che strappano sonore risate ai bambini ma anche giochi di parole e satire più complesse, che possono essere comprese solo dagli adulti. A mio figlio piacciono soprattutto le gag ricorrenti, che si ritrovano di episodio in episodio: in ogni storia aspetta la venuta dei pirati, che si trovano sempre, sfortunatissimi, ad aggredire proprio la nave in cui viaggiano Asterix e Obelix e quindi a venirne distrutti; oppure la permalosità di Obelix, che non sopporta di essere definito “grosso”; o ancora Assurancetourix e il suo tentativo di intonare un canto, stonatissimo, per gli eroi del villaggio e così via. Quindi Asterix piace perché è divertente, oltre a essere ben sceneggiato e ottimamente disegnato (e le cose ben fatte piacciono sempre).

Veniamo però anche ai pregi, per così dire, educativi. In primo luogo Asterix e Obelix viaggiano molto: a parte qualche rara storia in cui rimangono all’interno del villaggio, infatti, i due eroi si avventurano un po’ in tutta Europa (e anche al di fuori di essa), parodiando gli usi e i costumi dei tedeschi, degli inglesi, degli spagnoli, degli svizzeri e così via. Non mancano, anche nel fumetto, le cartine, ma leggere le avventure dei piccoli galli con un mappamondo o una cartina dell’Europa sottomano può essere un ottimo incentivo a imparare a conoscere la geografia, a capire che il mondo è molto più ampio – e variegato – della nostra piccola città.

C’è poi, chiaramente, anche un pregio dal punto di vista storico: certo, Asterix è un fumetto comico il cui obiettivo non è la veridicità storiografica, ma a furia di parlare di romani, Cesare, fenici, galli, Cleopatra, battaglie e così via qualche spunto per approfondire (da parte dei genitori) la tematica c’è.

Infine, non è da trascurare l’intento etico del fumetto. Goscinny non risparmia, ai suoi compatrioti, le prese in giro per lo sciovinismo e per certe manie, ma in generale Asterix e i suoi compagni sono l’emblema della Francia che resiste all’invasore straniero (e a volte anche al collaborazionismo), l’emblema dello spirito libero e mai domo. Un inno, insomma, alla libertà, all’autodeterminazione, alla resistenza che a un bambino di sicuro male non fa. Una resistenza e un nazionalismo che non sono però sinonimo di xenofobia: i nostri galli sono sempre amichevoli con gli stranieri e amano conoscere le tradizioni e la cultura dei popoli che incontrano nei loro viaggi, promuovendo un’idea di fratellanza spontanea e mai retorica.

 

Quali attenzioni bisogna avere

Asterix e Obelix regolano i contiDetti i pregi, vediamo anche i difetti: perché Asterix è sì un bel fumetto, ma qualche cautela bisogna averla. Ad esempio bisogna tenere presente che nacque a fine anni ’50 e si sviluppò soprattutto negli anni ’60 e ’70, decenni in cui la rappresentazione della violenza era molto diversa da quella a cui siamo abituati oggi (almeno nella narrativa per bambini). Oggi, perfino nei cartoni animati dei supereroi, c’è spesso meno violenza di quanta non se ne veda in Asterix, in cui i ceffoni sono sempre cartooneschi, comici, ma pur sempre ceffoni sono. Quindi al proprio bimbo bisogna spiegare che non si può giocare a fare Asterix contro i romani prendendo a pugni i propri amici: dovrebbero già saperlo, ma è meglio essere chiari. In ogni caso, non ci sono mai morti e le botte hanno un effetto solo momentaneo.

Se poi siete convinti vegetariani, occhio a Obelix: la sua più grande passione è infatti quella di andare a caccia di cinghiali nella foresta, cosa che non gli provoca nessuna remora morale e che anzi lo esalta (e tra i poveri cinghiali, all’arrivo dei galli, regna decisamente il panico).

 

Da dove cominciare

Ok, mettiamo che vi abbia convinto e che adesso abbiate una gran voglia di leggere Asterix ai vostri figli: da dove cominciare?

Il formato delle storie di Asterix è quello tipico del fumetto francese: ogni avventura si sviluppa all’interno di un volume di 48 pagine (a loro volta divise generalmente in quattro strisce, e piuttosto corpose). Nonostante abbia più di cinquant’anni, le sue storie non sono numerosissime: nel periodo d’oro del personaggio uscivano una e anche due storie all’anno, ma dopo la morte di Goscinny il ritmo si è notevolmente rallentato. Basti pensare che l’ultimo volume, Asterix e i pitti, è il primo realizzato da una coppia di autori diversa da quella originale ed è uscito a ben 8 anni di distanza dal precedente (albi celebrativi esclusi).

Questo implica che Asterix non è un fumetto che si può trovare tutte le settimane o i mesi in edicola a pochi euro, ma è disponibile solo in volume e a prezzi da volume (anche se non proibitivi). Il che vuol dire anche che, nonostante siano relativamente poche, non tutte le storie sono facilmente reperibili. Il mio consiglio è cercare di procurarsi alcune raccolte di storie in fumetteria (ne è uscita una nei Miti Mondadori qualche anno fa, a cui bisogna aggiungere quella nei Classici del fumetto di Repubblica), raccolte che purtroppo stampano le storie in un formato più piccolo rispetto all’originale ma almeno consentono di risparmiare qualche soldo; oppure, se ve la cavate bene col Kindle, di scaricare a prezzi più contenuti le storie già disponibili per il dispositivo. Poi, quando vostro figlio si sarà innamorato del personaggio, i volumi potranno diventare degli ottimi regali di Natale o del compleanno.

Asterix e la corsa d'Italia
EUR 10,96 EUR 12,90
Generalmente spedito in 24 ore
Asterix e i Pitti
EUR 10,96 EUR 12,90
Generalmente spedito in 24 ore
Asterix tra banchi e... banchetti
EUR 10,96 EUR 12,90
Generalmente spedito in 24 ore
Come fu che Obelix cadde da
EUR 7,56 EUR 8,90
Generalmente spedito in 24 ore
Asterix e Cleopatra: 6
EUR 10,50 EUR 12,90
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Il compleanno di Asterix &
EUR 10,96 EUR 12,90
Generalmente spedito in 24 ore
Asterix e i britanni: 8
EUR 10,50 EUR 12,90
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Le XII fatiche di Asterix
EUR 12,66 EUR 14,90
Generalmente spedito in 24 ore
Asterix gladiatore: 4
EUR 10,50 EUR 12,90
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi