La bambinaia di Hegel - Scriplog

9 dicembre 2014
Commenti 0

Tag , ,

Il metodo hegeliano di approccio alle ragazzeGeorg Wilhelm Friedrich Hegel è considerato uno dei più grandi filosofi di ogni epoca. La sua filosofia, fin da subito, ha generato grandi entusiasmi ed altrettanto grandi malumori, e può vantare non a caso decine di adepti e decine di detrattori. La sua vita, però, fu molto meno eroica di quanto ci si potrebbe aspettare, caratterizzata da pugnalate alla schiena agli amici (ne sa qualcosa il buon Schelling) e fughe dalle proprie responsabilità (mise incinta la sua affittacamere e, anni dopo, costrinse quel suo figlio a non usare più il suo cognome).

Con un giorno di ritardo rispetto al solito, visto che ieri, 8 dicembre, era festivo, ripercorriamo ironicamente la sua vita facendocela raccontare da una immaginaria tata. Ecco quindi il nuovo raccontino scritto per il blog di Fazi dal titolo La bambinaia di Hegel.

 

Quello che i filosofi non dicono
(siamo così, dolcemente complicati)

La bambinaia di Hegel

Georg? Vuol dire Giorgino? Signore del cielo, certo che me lo ricordo, Giorgino. Non è un tipo facile da dimenticare, quel ragazzo. Mi ha dato certi grattacapi…

A prima vista sembrava un bambino serio, intelligente, molto ubbidiente. Sotto sotto, però, covava certe idee…

Sono entrata a servizio dai signori Hegel quando Giorgino aveva più o meno 7 anni. Allora ero una donna abbastanza giovane, da poco divenuta madre. Sa come funzionano queste cose: un signore comincia a farti due complimenti, tu non ci sei abituata e in quattro e quattr’otto ti ritrovi madre di una ragazzina che il laido vecchiaccio non vuole riconoscere. Mi son dovuta mettere a servizio per quello: per mantenere me e la piccolina.

Anche il giovane Georg sapeva bene come funzionano queste cose, nonostante avesse appena 7 anni. Proprio per questo ho passato vari anni a cercare di insegnargli – a furia di randellate – a comportarsi in maniera più consona al suo status, anche se si può dire che ho fallito. La sua storia, d’altronde, parla da sé.

[continua su Le Meraviglie]